Email : info@pietrocampione.it
  Telefono : 0574 61 10 29

Centro rinomato di medicina e chirurgia a Firenze e Prato

La rimozione dei tatuaggi

Oggi vi vorrei parlare dei ripensamenti.

Nel mio lavoro incontro tante persone con tantissimi tipi di ripensamenti, quindi è  molto importante ascoltare e capire bene cosa il o la paziente desiderino davvero.

Tuttavia se dovessi abbinare la parola ripensamento ad un’altra con la quale trovo spesso una combinazione durante le mie visite, beh questa è senza dubbio “tatuaggio”.

Non sono contrario ai tatuaggi, a volte sono davvero estetici, fini ed originali, altre volte, al di là del gusto personale, importanti emotivamente e quindi collegati a fatti o a persone della vita di chi li porta.

Queste pitture, che mi auguro fortemente siano sempre realizzate in centri autorizzati, vengono incise tramite uno o più aghi nel tessuto superficiale della pelle diventando così permanenti.

Ma c’è un ma (e qui torniamo alla parola “ripensamento”), quando la persona che si è “pitturata”, appunto, ci ripensa. Le ragioni possono essere le più varie: noia, fastidio alla pelle, motivi collegati ad un nuovo impiego, come nel caso delle carriere militari, o, più spesso, motivi collegati alla fine del rapporto col partner (non so più quanto nomi di ex amori ho rimosso definitivamente dalla pelle di persone di ogni età).

Andando più sul tecnico, appurato dal o dalla paziente la volontà di cancellare la rinnegata pittura, passo il testimone al nostro laser Q-Switch.

Lavorando a diverse lunghezze d’onda elimino quasi la totalità delle colorazioni dei tatuaggi, in particolare il laser che utilizzo è dotato anche di una lunghezza d’onda capace di rimuovere oltre alle normali colorazioni nere e blu anche le verdi, e le complicate tonalità di rosso, rosa e arancione.

La seduta di laser Q-Switch per la rimozione del tatuaggio prevede in media da 5-6 trattamenti, che vanno ripetuti a distanza di un mese circa l’uno dall’altro. Durante la seduta sia io che il paziente indosseremo degli occhialini protettivi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>